Asma e allergie respiratorie in gravidanza: i consigli dello pneumologo

 gravidanza asma allergie

L’asma bronchiale, specie l’asma allergico, e le malattie allergiche respiratorie (vedi “ Malattie allergiche della vie aeree” – “Pollinosi” – “Rinite allergica”) sono malattie dell’apparato respiratorio estremamente comuni nella popolazione, tanto da rappresentare un rilevante problema per la salute pubblica. C’è un momento, tuttavia, nel quale la loro presenza rischia di preoccupare in modo particolare le pazienti che ne sono affette. Mi riferisco al momento in cui la donna, scoprendo di essere in gravidanza, inizia a porsi con urgenza tutta una serie di domande relative alla sua condizione di asmatica o di allergica con problemi respiratori e all’opportunità di proseguire l’assunzione dei farmaci prescritti per controllare le diverse forme.

Il problema più sentito dalle future mamme riguarda la necessità di escludere, in modo assoluto, eventuali danni al bimbo conseguenti all’assunzione dei medicinali indispensabili per il controllo dell’asma e dei problemi respiratori allergici. Un bel dilemma, quindi, che le mette in agitazione, non sapendo se preferire il mantenimento della cura per evitare crisi asmatiche, con il rischio di procurare danni al piccolo, o dare priorità assoluta alla futura salute del pargolo rischiando la propria. Per fortuna la scelta da fare non corrisponde esattamente a quella anzidetta ed i fattori di cui tener conto sono un po’ diversi. Vediamo allora di orientarci meglio con una serie di considerazioni e di consigli.

Leggi tutto: Asma e allergie respiratorie in gravidanza: i consigli dello pneumologo

Tosse e allergia: il parere dello pneumologo

allergia e tosse 

La tosse rappresenta un meccanismo funzionale posto a protezione delle vie aeree. Qualsiasi situazione che comporti la penetrazione di corpi estranei nell’apparato respiratorio (liquidi, polveri, corpi solidi, ecc.), attiva l’automatismo della tosse, vero e proprio “salvavita” attraverso il quale l’individuo cerca rapidamente di liberarsi dalla presenza di una potenziale causa di soffocamento.

Tra le tante cause di tosse (vedi anche “Tosse persistente dell’adulto e del bambino”), alcune sono da ricondurre a una patologia allergica in grado di divenire fonte del disturbo interessando uno o più dei diversi distretti anatomici in cui è suddiviso l’apparato respiratorio, andando questo dalle fosse nasali, attraverso il faringe, il laringe, la trachea ed i bronchi, fino ai bronchi più piccoli (bronchioli) e ai polmoni. Gli allergeni più comunemente responsabili di una tosse allergica sono rappresentati dai pollini di molte piante, dagli acari della polvere domestica, dai derivati epidermici degli animali domestici (forfore e peli) e dai micofiti (spore unicellulari di funghi ambientali).

Varie malattie allergiche delle vie aeree possono essere causa di tosse (vedi “Pollinosi”), così come molte patologie infiammatorie e infettive delle vie aeree non allergiche, rendendo in tal modo più difficile la diagnosi. Tra le patologie allergiche responsabili di tosse vorrei ricordare:

Leggi tutto: Tosse e allergia: il parere dello pneumologo

Tumore polmonare e mir-TEST: diagnosi precoce con nuovo test sul sangue

e-mir test tumore polmonare

Uno dei maggiori problemi che si riscontrano nella lotta al tumore del polmone riguarda l’attuale necessità di una precocità diagnostica che, ad oggi, purtroppo si scontra con la scarsità o con l’assenza di sintomi di tale patologia in fase iniziale. Quando, quindi, il tumore polmonare potrebbe essere più facilmente affrontato e risolto in modo radicale, la diagnosi dello stesso diviene impossibile o per lo meno altamente improbabile per il fatto che lo stesso non da, fin dall’inizio, quei segni di sé che ne consentirebbero una precoce individuazione (vedi “Emissione di sangue dalla bocca con la tosse: è sempre tumore?” – “ Fumo di sigaretta, tosse, catarro e tumore del polmone: i consigli dello pneumologo” – “Noduli polmonari”). Tenuto conto che solamente una precocità di riscontro della sua presenza potrebbe consentire di sconfiggere uno dei tumori maligni considerati tra i più subdoli, pericolosi e difficili da vincere (vedi “ Gli esami per individuare le malattie respiratorie e i tumori polmonari e pleurici”), è evidente come una diagnosi precoce rappresenti oggi uno tra gli obiettivi sui quali si concentrano le maggiori attenzioni in campo pneumologico e oncologico (vedi “ Inquinamento urbano e cancro polmonare”).

Una buona notizia, a questo proposito, giunge dall’Istituto Europeo di Oncologia (I.E.O.) di Milano, dove è stato recentemente possibile mettere a punto un nuovo test decisamente preciso e poco invasivo (prelievo di sangue), già disponibile ma attualmente ancora in fase di perfezionamento (un altro era già precedentemente disponibile – vedi “ Tumore del polmone: diagnosi precoce non invasiva con il test del respiro (breath test)”), in grado di individuare la presenza del tumore polmonare in fase molto precoce.

Leggi tutto: Tumore polmonare e mir-TEST: diagnosi precoce con nuovo test sul sangue

Asma, BPCO e obesità: il parere dello pneumologo

obesità asma bpco

La ben nota attenzione dedicata dalla classe medica al controllo del sovrappeso dei propri pazienti, sembra adattarsi molto bene anche alle malattie dei bronchi e dei polmoni e tra queste alle malattie ostruttive delle vie aeree, comprendendo sotto tale definizione sia l’asma bronchiale, sia la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). Esse corrispondono a due realtà della patologia bronchiale e polmonare aventi in comune il fatto di risentire negativamente del peso eccessivo, in quanto lo stesso peggiora sia la dispnea (difficoltà respiratoria), sia i parametri funzionali respiratori rilevabili con la spirometria. Si può dire che non esista quadro clinico di asma e di BPCO che si mantenga in buon compenso respiratorio se il paziente è obeso.

L’asma in pazienti obesi, o comunque in sovrappeso, si dimostra più difficilmente controllabile con i farmaci e la quantità degli stessi necessaria per avere ragione dei sintomi (tosse, dispnea, sibilo espiratorio e senso di costrizione al petto) diventa talora molto superiore a quella che il paziente richiederebbe se solo fosse di peso normale. Ecco perché il primo passo per una corretta terapia della malattia, prima ancora della terapia farmacologica, consiste in un adeguato piano dietetico che consenta al paziente di riguadagnare, attraverso una dieta personalizzata, quel corretto peso corporeo indispensabile per un risultato soddisfacente ma soprattutto stabile della patologia asmatica.

Leggi tutto: Asma, BPCO e obesità: il parere dello pneumologo

Viaggiare con l’asma: anche in aereo ed in nave? I consigli dello pneumologo

viaggiare con asma in aereo o nave 

Prima d’intraprendere un viaggio, nel caso in cui si soffra di asma bronchiale e specialmente di asma allergico, ritengo sia utile tener conto di una serie di cose importanti per ridurre al massimo le possibilità di avere problemi, specie nel caso in cui ci si trovi in luoghi distanti da casa nei quali potrebbe essere meno agevole poterli risolvere.

Con le dovute accortezze, infatti, la malattia asmatica non dovrebbe rappresentare un problema tale da impedire, a chi ne è affetto, di attendere alle normali occupazioni di tutti, e tra queste anche alla possibilità di godersi piacevolmente una vacanza, ma qualche attenzione è d’obbligo. Godersi le vacanze viaggiando o spostarsi per lavoro, infatti, (vedi anche “Asma allergico e luogo di vacanze: i consigli dello pneumologo ”) non è precluso a chi soffra d’asma, a patto che ci si organizzi soprattutto in relazione al fatto che la malattia potrebbe talvolta riconoscere momenti di scompenso respiratorio imprevedibile, con tutti i sintomi disturbanti che, chi è asmatico, ben conosce (tosse, dispnea (difficoltà respiratoria), respiro sibilante e senso di costrizione al torace) e che vissuti lontano dai luoghi sicuri di sempre spaventano il paziente.

Leggi tutto: Viaggiare con l’asma: anche in aereo ed in nave? I consigli dello pneumologo 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Pneumologo-ballor.it utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito è impostato per consentire l`utilizzo di tutti i cookies. Se si continua a navigare, si accetta e si approva la nostra policy sull`impiego di cookies. Per saperne di più sulla nostra policy dei cookies.