Dott. Enrico Ballor – Pneumologo Torino

Rinite Allergica (Febbre da Fieno)

Giuseppe Famà

Che cos’è la rinite allergica

La rinite allergica, nota anche come raffreddore allergico o impropriamente “febbre da fieno”, in quanto non presenta febbre tra i suoi sintomi né è correlata direttamente con l’inalazione di prodotti del fieno, è una malattia delle fosse nasali che presenta un importante quadro infiammatorio allergico della mucosa del naso (rivestimento interno), la cui principale conseguenza determina quel “gonfiore” (edema) delle fosse nasali responsabile della tanto fastidiosa ostruzione al flusso dell’aria.

Sintomi della rinite allergica

Da un punto di vista della persistenza del disturbo la rinite allergica si presenta con due diverse modalità:

  • Presentazione acuta o stagionale (temporanea)
    E’ quella classica delle comuni pollinosi stagionali in pazienti sensibilizzati ai pollini delle piante lungo i vari periodi dell’anno (betulle, nocciolo, alberi, graminacee, parietaria, ambrosia, composite, spore fungine, ecc.).
    I sintomi consistono in:

    • prurito nasale talora associato a prurito ed arrossamento degli occhi con lacrimazione (in tal caso si parla di rino-congiuntivite allergica)
    • starnutazione
    • rinorrea acquosa (gocciolamento nasale)
    • sensazione di ostruzione nasale
    • ridotta o assente capacità di sentire gli odori (ipo-anosmia)
    • difficoltà del sonno secondaria alla ostruzione nasale
    • ridotte performance scolastiche ed irritabilità nei bambini
    • talora tosse irritativa insistente (valutare la concomitante presenza di iperreattività bronchiale aspecifica come possibile anticipatore di asma bronchiale) – (vedi anche “Iperreattività bronchiale aspecifica”)
    • occhiaie con colorito scuro delle palpebre inferiori specie nei bambini
    • fotofobia (fastidio oculare in presenza di luce intensa in pazienti con rino-congiuntivite allergica)
    • grattamento del naso (specie nei bambini)
  • Forma persistente
    E’ quella legata alla presenza nel paziente di una sensibilità ad allergeni perenni, tipo forfore animali presenti nella casa di abitazione, acari della polvere domestica, e muffe degli spazi confinati.
    I sintomi sono sovrapponibili a quelli della forma precedente, con la possibilità di evolvere, vista la persistenza dei sintomi durante tutto l’anno, in:

      • sinusite allergica acuta e cronica
      • poliposi nasale
      • dermatite desquamativa ai lati del naso secondaria alla frequenza del soffiarsi il naso
pollini allergeniFotografia al microscopio elettronico di pollini allergenici responsabili di rinite allergica e asma Rinite e congiuntivite allergica

Occhio intensamente arrossato in paziente con rinite e congiuntivite allergica da pollini primaverili

Relazione tra rinite allergica ed asma bronchiale

Si pensa ormai da più parti che rinite allergica ed asma bronchiale (vedi anche: “Asma bronchiale”) rappresentino parti di una comune malattia più generale e complessa delle vie aeree che si presenta clinicamente, nel tempo, in modo diverso e con sintomi variabili.

E’ una malattia che andrebbe affrontata e trattata con estrema serietà, non affidandosi semplicemente ad una pericolosa autogestione del problema attraverso l’impiego di farmaci sintomatici, in quanto se non adeguatamente affrontata aumenta le possibilità di non riconoscere precocemente una condizione di asma bronchiale sottostante ancora non conclamata, con tutti i rischi impliciti in tale evoluzione clinica.

I pazienti che presentino la concomitanza delle due forme patologiche (rinite ed asma) mostrano un significativo miglioramento dei sintomi di entrambe le forme a patto che le si tratti insieme ed in modo corretto.

 

Hai Ancora Dubbi? Chiedi al Dott. Ballor!

Faccio il possibile per scrivere i miei articoli informativi nel modo più chiaro, semplice e soprattutto esaustivo che si possa.

Consiglio sempre ai miei lettori di leggere i link di approfondimento che propongo su ciascun articolo.

Se però hai qualche domanda specifica su questo argomento alla quale non hai trovato risposta, sarò felicissimo di risponderti!

Non solo!

Se la tua domanda sarà di interesse generale e soprattutto non trattata prima né su Medicina del Respiro né su questo sito, ne creerò anche un articolo ricco di utili informazioni mediche.

Inviami la tua domanda, sii chiaro e dettagliato a sufficienza ma per piacere, tieni a mente una cosa fondamentale.

Faccio sempre il possibile per dedicare il tempo necessario nella lettura di tutte le domande che mi vengono poste, ma a causa delle mie svariate attività cliniche e del numero decisamente alto di quesiti che ogni giorno mi vengono posti non sono sempre in grado di garantire tempi di risposta rapidi.

Hai urgenza e non puoi aspettare?

Non ci sono problemi.

Se credi che il tuo caso abbia carattere di urgenza e debba ricevere una consulenza medica specialistica puoi prenotare da qui una visita privata presso il mio studio.

Hai apprezzato questo articolo?

Realizzare questo sito e i suoi contenuti ha richiesto anni di lavoro.

Non solo: creare continuamente articoli informativi richiede un sacco di tempo, come puoi immaginare.

Non c’è miglior grazie che io possa ricevere da te se non sapere che condividerai questo articolo su Facebook, Twitter o LinkedIn.

A presto!

Firma del Dott. Enrico Ballor - Pneumologo a Torino (50px)