Dott. Enrico Ballor – Pneumologo Torino
BPCO

Riacutizzazione di BPCO e Bronchite Cronica: novità dallo Pneumologo

Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e bronchite cronica (vedi “Ho la bronchite cronica o la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)?”) sono due malattie respiratorie croniche che affliggono, solo in Italia, diversi milioni di persone, rappresentando un’importante realtà nel panorama delle malattie croniche del nostro Paese.

Uno tra i più importanti aspetti che ad esse si correla, consiste nel rischio che tali patologie possano riacutizzarsi, presentando momenti di particolare attivazione infiammatoria della patologia cronica bronchiale e polmonare (vedi “ Polmonite e broncopolmonite”) ad opera di fattori infettivi (infezioni microbiche batteriche e virali) o non-infettivi (smog delle città, fumo di sigaretta, fumi irritanti, ecc.), in grado di scompensare i periodi di relativa stabilità clinica delle due patologie non in fase acuta.

In tema di prevenzione delle recidive infiammatorie acute della BPCO e della bronchite cronica (riacutizzazioni) molto è possibile fare, soprattutto garantendo

Oltre a ciò, è recente la comunicazione, fatta su di una prestigiosa rivista pneumologica internazionale (European Respiratory Review), della particolare efficacia che sembra avere un vecchio farmaco fluidificante, la N-acetilcisteina, nella prevenzione delle riacutizzazioni delle due malattie polmonari.

Questo mucolitico, tanto prescritto e tanto noto al grande pubblico come principio attivo spesso impiegato nella terapia fluidificante delle patologie infettive e infiammatorie delle vie aeree sia alte (problemi otorinolaringoiatrici), sia delle basse vie sotto-laringee (tracheiti, bronchiti, ecc.), viene in questo studio rivalutato con ben altre indicazioni rispetto a quelle fin qui considerate di semplice favorente la fluidificazione e l’espettorazione dei secreti infiammatori (catarro).

Ciò che si desume dai dati pubblicati fa riferimento ad un impiego del farmaco non tanto con finalità terapeutiche (trattamento di malattia già presente), bensì con precise indicazioni preventive delle riattivazioni infiammatorie (riacutizzazioni) di BPCO e bronchite cronica.

Se si tiene conto della serietà delle complicazioni che spesso accompagnano le riacutizzazioni infettivo-infiammatorie della BPCO e della bronchite cronica, fino al rischio di arrivare all’insufficienza respiratoria con necessità di ossigenoterapia, la proposta di un farmaco che, per quanto con diverso scopo, già da molti anni viene utilizzato in tutta sicurezza, non può far altro che piacere soprattutto in considerazione della capacità che tale molecola farmacologica sembra aver dimostrato sulla riduzione significativa delle esacerbazioni di malattia a dosaggi anche elevati, comunque superiori rispetto a quelli usualmente prescritti.

Se in un mio articolo precedentemente pubblicato sul presente sito (vedi ”Acqua: la migliore terapia mucolitica”) segnalavo quanto fosse importante un’adeguata introduzione di liquidi proprio in corso di somministrazione di farmaci mucolitici, ricordando quanto gli stessi potrebbero addirittura dimostrarsi meno efficaci rispetto al previsto, nel momento in cui si dovesse dimenticare questo semplice accorgimento, ora la somministrazione degli stessi sembra apparire ancora più importante alla luce dei dati pubblicati, aprendo un fronte nuovo nella prevenzione delle riacutizzazioni della BPCO e della bronchite cronica.

Via libera, quindi, alla terapia con N-acetilcisteina con questa nuova finalità.

Non si dimentichi tuttavia, come già scrivevo, l’importanza di un’adeguata assunzione di acqua, per favorire la possibilità che tale farmaco risulti davvero efficace nello svolgere quel suo compito fluidificante delle secrezioni ed espettorante delle stesse che lo rende vantaggioso.

 

Hai Ancora Dubbi? Chiedi al Dott. Ballor!

Faccio il possibile per scrivere i miei articoli informativi nel modo più chiaro, semplice e soprattutto esaustivo che si possa.

Consiglio sempre ai miei lettori di leggere i link di approfondimento che propongo su ciascun articolo.

Se però hai qualche domanda specifica su questo argomento alla quale non hai trovato risposta, sarò felicissimo di risponderti!

Non solo!

Se la tua domanda sarà di interesse generale e soprattutto non trattata prima né su Medicina del Respiro né su questo sito, ne creerò anche un articolo ricco di utili informazioni mediche.

Inviami la tua domanda, sii chiaro e dettagliato a sufficienza ma per piacere, tieni a mente una cosa fondamentale.

Faccio sempre il possibile per dedicare il tempo necessario nella lettura di tutte le domande che mi vengono poste, ma a causa delle mie svariate attività cliniche e del numero decisamente alto di quesiti che ogni giorno mi vengono posti non sono sempre in grado di garantire tempi di risposta rapidi.

Hai urgenza e non puoi aspettare?

Non ci sono problemi.

Se credi che il tuo caso abbia carattere di urgenza e debba ricevere una consulenza medica specialistica puoi prenotare da qui una visita privata presso il mio studio.

Hai apprezzato questo articolo?

Realizzare questo sito e i suoi contenuti ha richiesto anni di lavoro.

Non solo: creare continuamente articoli informativi richiede un sacco di tempo, come puoi immaginare.

Non c’è miglior grazie che io possa ricevere da te se non sapere che condividerai questo articolo su Facebook, Twitter o LinkedIn.

A presto!

Firma del Dott. Enrico Ballor - Pneumologo a Torino (50px)

Articoli correlati

BPCO, Insufficienza Respiratoria e Alimentazione: i Consigli dello Pneumologo

Dott. Enrico Ballor

I Segni Radiologici di Enfisema polmonare: il Parere dello Pneumologo

Dott. Enrico Ballor

I nuovi Farmaci per Asma e BPCO presentati dallo Pneumologo

Dott. Enrico Ballor

Lascia un commento