Dott. Enrico Ballor – Pneumologo Torino
AsmaLo Pneumologo Risponde

Spray in Polvere per Asma Provoca Crampi al Torace. È Possibile?

Lo Pneumologo Risponde” è la nuova rubrica di questo sito dedicata alle curiosità dei lettori.

La domanda di questa uscita è:

Gli Spray per l’Asma Possono Provocare Crampi al Torace? Mi Capita nei Periodi in cui Inalo la Polvere

La possibilità che l’inalazione di un broncodilatatore (farmaci di categoria β2 – agonisti adrenergici), ancor più se associato ad un cortisonico inalatorio (ICS), possa dar luogo ad una fastidiosa reazione crampiforme dei muscoli, sia che esso venga inalato sotto forma di preparato pre-dosato pressurizzato in bombolette, sia che esso venga attivamente inspirato in modo forzato come preparato in povere, non è evento raro nè tantomeno non previsto.

Tra gli effetti collaterali indesiderati dei broncodilatatori e degli steroidi per uso inalatorio, infatti, è ampiamente ammessa la possibilità che ciò capiti, per quanto il fenomeno risulti estremamente variabile e incostante nei diversi pazienti che fanno uso di tali farmaci, sia per quanto riferito all’intensità del sintomo, sia per quanto riguarda la sede del crampo muscolare.

Ben più di una volta mi sono sentito riferire dai pazienti che ho in cura per asma bronchiale o per BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva), la comparsa di un inconveniente di questo tipo, accompagnato da tutta una serie di timori del paziente relativi al sintomo.

Non è infrequente, poi, che il bersaglio di tale effetto siano proprio i muscoli del torace, caso questo in cui, ancor più, i pazienti che ne sono vittima si allarmano, essendo frequente l’associazione che gli stessi fanno tra questo tipo di dolore e il dolore dell’infarto miocardico con il quale spesso tendono impropriamente a confondere un crampo muscolare che compaia nei muscoli respiratori della metà sinistra del torace e, più ancora, ai muscoli pettorali dello stesso lato.

Sarà spesso sufficiente provare a passare, con l’aiuto dello pneumologo cha ha in cura il paziente, ad un dosaggio diverso o ad altro farmaco analogo dotato magari di un minor effetto di questo tipo, per consentire al paziente di proseguire la terapia farmacologica dell’asma o della BPCO di lungo termine senza dover patire questo disagio.

Si tenga conto, inoltre, del fatto che spesso è la presenza del cortisonico presente nel prodotto inalatorio pre-dosato ad essere responsabile di questo sintomo, più che non il broncodilatatore in sé, per cui qualche volta la prosecuzione della terapia dell’asma o della BPCO mantenuta con il solo steroide per inalazione potrebbe non risolvere il problema, privando solamente il paziente del beneficio di un’efficace broncodilatazione sulla malattia ostruttiva bronchiale, asma o BPCO che sia.

Approfondimenti

Scopri di più su questo argomento leggendo anche:

Visita Pneumologica

Che cos’è (e come viene fatta)?

Scopri tutte le fasi della visita specialistica e come il Dott. Enrico Ballor valuta il paziente per il disturbo che presenta.

Guarda il Video
Pneumologo Torino Dott Ballor favicon - 512px

 

Chiedi allo Pneumologo

Se hai una domanda da porre al Dott. Ballor, compila ora il modulo qui sotto.

Le migliori domande che verranno giudicate più di interesse generale, troveranno risposta su questo sito nelle prossime settimane.


    Altri Articoli Interessanti

    Pazienti Covid 19 con Pochi Sintomi: Residuo Danni Polmoni?

    Dott. Enrico Ballor

    BPCO o Fumo con Polmonite da Coronavirus: Rischio Maggiore?

    Dott. Enrico Ballor

    Nonno con Polmoniti da Disfagia Grave. Consigli?

    Dott. Enrico Ballor
    CHE COS'E' E COME VIENE FATTA

    Visita Pneumologica

    Scopri - in maniera semplice - tutte le fasi della visita specialistica e come il Dott. Enrico Ballor valuta il paziente per il disturbo che presenta.
    GUARDA IL VIDEO
    Pneumologo
    close-link
    Pneumologo
    Che cos'è (e come viene fatta) una Visita Pneumologica?
    Guarda il Video
    close-image