Dott. Enrico Ballor – Pneumologo Torino
Sintomi e Diagnostica

Gli Esami su Sangue e Urine richiesti dallo Pneumologo in caso di Infezione Polmonare

Indipendentemente dal tipo di presentazione radiologica di quadri clinici compatibili con un’infezione respiratoria polmonare, siano essi di tipo “infiltrativo”, di tipo “a vetro smerigliato” (TAC), interessanti gli alveoli (“addensamenti ” alveolari) o l’interstizio polmonare (vedi “Macchia sul polmone: che cos’è? E’ sempre tumore?” – “Polmonite e broncopolmonite” – “Micosi polmonari” – “Aspergillosi polmonare ” – “Batteri e virus responsabili delle polmoniti: il parere dello pneumologo”), diffusi ai due polmoni o localizzati ad uno solo di essi, esiste per lo pneumologo la possibilità di focalizzare la ricerca su particolari anticorpi diretti contro gli agenti responsabili di specifiche infezioni, ottenendo in questo modo una risposta dal laboratorio in grado di confermare o di escludere il sospetto diagnostico iniziale formulato su base empirica.

Tutto ciò si aggiunge, naturalmente, ai dati ottenuti dal riscontro microbiologico colturale sul secreto bronchiale emesso spontaneamente dal paziente (espettorato) o recuperato con il lavaggio bronchiale in corso di broncoscopia (vedi “Esami per malattie respiratorie e tumori polmonari e pleurici”) e dalle ricerche colturali su sangue ( emocoltura), oltre ai numerosi dati derivabili dall’osservazione microscopica diretta (tubercolosi) e dagli esami colturali di tessuto polmonare ottenuto da biopsie trans-bronchiali (vedi “La biopsia bronchiale, polmonare e pleurica spiegate dallo pneumologo ”), come quelli consigliati in caso di sospette infezioni protozoarie o micotiche polmonari (Pneumocystis carinii ( jirovecii ) e aspergillosi polmonare invasiva da Aspergillus fumigatus, ecc.).

Vediamo, allora, su quali esami anticorpali è possibile contare per confermare o escludere una diagnosi di infezione respiratoria.

La ricerca degli anticorpi specifici rivolti contro questa o quella forma microbica è possibile sia su sangue sia, in certi casi, su campioni di urine di pazienti febbrili che presentino manifestazioni radiologiche polmonari non meglio tipizzabili ma che già orientino lo pneumologo, per il particolare quadro radiologico con il quale si presentano, in senso flogistico-infettivo.

  • Esami sierologici (su sangue)
    Nel caso in cui si sospetti un’origine infettiva di natura batterica, virale o micotica (funghi), è possibile richiedere il dosaggio su sangue (siero) di specifici anticorpi diretti contro le diverse forme microbiche più frequentemente responsabili di quadri infettivi respiratori.
    Tra questi:

    • Anticorpi anti Mycoplasma pneumoniae (IgG e IgM)
    • Anticorpi anti Chlamydia pneumoniae (EIA)
    • Anticorpi anti Chlamydia trachomatis (EIA)
    • Anticorpi anti Chlamydia psittaci (IgG e IgM)
    • Anticorpi anti Legionella pneumophila (IgG e IgM)
    • Anticorpi anti Aspergillus (IgG e IgM). Possibile anche il dosaggio di prodotti antigenici micotici su sangue, quali il galattomannano e il β-D-glucano in caso di sospetta aspergillosi invasiva.
    • Anticorpi anti Virus influenzae (IgG e IgM), specie AH1N1 (anche da tampone faringeo)
    • Anticorpi anti Paramixovirus (IgA e IgG)
    • Anticorpi anti Virus Respiratorio Sinciziale (VRS)
    • Anticorpi anti Citomegalovirus (IgG e IgM)
    • Anticorpi anti virus Coxsackie
    • Anticorpi anti Adenovirus
    • Anticorpi anti Rinovirus
  • Ricerca di antigeni urinari
    in alcuni casi è possibile effettuare una ricerca di antigeni microbici presenti sulle urine, come ad esempio in caso di sospetta infezione sostenuta da Legionella pneumophila.

La diagnosi definitiva, naturalmente, spetta sempre solo al medico e allo specialista pneumologo o infettivologo, i quali saranno in grado di formulare un giudizio diagnostico conclusivo non solo sulla base dei criteri sierologici e microbiologici, ma anche in funzione di altri aspetti clinico-radiologici spesso indispensabili per orientare correttamente quelle strategie terapeutiche in grado di ottenere la risoluzione dei diversi quadri respiratori infettivi.

 

Hai Ancora Dubbi? Chiedi al Dott. Ballor!

Faccio il possibile per scrivere i miei articoli informativi nel modo più chiaro, semplice e soprattutto esaustivo che si possa.

Consiglio sempre ai miei lettori di leggere i link di approfondimento che propongo su ciascun articolo.

Se però hai qualche domanda specifica su questo argomento alla quale non hai trovato risposta, sarò felicissimo di risponderti!

Non solo!

Se la tua domanda sarà di interesse generale e soprattutto non trattata prima né su Medicina del Respiro né su questo sito, ne creerò anche un articolo ricco di utili informazioni mediche.

Inviami la tua domanda, sii chiaro e dettagliato a sufficienza ma per piacere, tieni a mente una cosa fondamentale.

Faccio sempre il possibile per dedicare il tempo necessario nella lettura di tutte le domande che mi vengono poste, ma a causa delle mie svariate attività cliniche e del numero decisamente alto di quesiti che ogni giorno mi vengono posti non sono sempre in grado di garantire tempi di risposta rapidi.

Hai urgenza e non puoi aspettare?

Non ci sono problemi.

Se credi che il tuo caso abbia carattere di urgenza e debba ricevere una consulenza medica specialistica puoi prenotare da qui una visita privata presso il mio studio.

Hai apprezzato questo articolo?

Realizzare questo sito e i suoi contenuti ha richiesto anni di lavoro.

Non solo: creare continuamente articoli informativi richiede un sacco di tempo, come puoi immaginare.

Non c’è miglior grazie che io possa ricevere da te se non sapere che condividerai questo articolo su Facebook, Twitter o LinkedIn.

A presto!

Firma del Dott. Enrico Ballor - Pneumologo a Torino (50px)

Articoli correlati

Tosse Secca o “Tosse senza Catarro”: il Parere dello Pneumologo

Dott. Enrico Ballor

Infezioni e Infiammazioni Bronchiali e Polmonari: VES, PCR e Procalcitonina

Dott. Enrico Ballor

Battito Cardiaco e Respirazione: il Parere dello Pneumologo

Dott. Enrico Ballor

Lascia un commento