Tosse come equivalente asmatico: l’asma, “quasi” asma, spiegato dallo pneumologo

tosse asma quasi asma

L’asma bronchiale (vedi “ Asma bronchiale: malattia da conoscere”) consiste in una malattia respiratoria che riconosce il più delle volte una concomitante causa allergica (vedi “Malattie allergiche delle vie aeree” – “Pollinosi ”), caratterizzata da “ ostruzione delle vie aeree”, e più precisamente da ostruzione bronchiale. Ostruzione delle vie aeree, in realtà, non vuol dire “completa chiusura” delle stesse, ma “ riduzione” più o meno importante del flusso d’aria all’interno dei bronchi, comunque tale da non corrispondere più a quello proprio di una condizione di normalità. La maggior parte della responsabilità di questa caduta del flusso aereo nel corso di una crisi asmatica è da attribuire al broncospasmo, intendendo con tale termine quella quota di ostruzione bronchiale (broncostruzione) che dipende direttamente da un vero e proprio spasmo (contrazione duratura) dei muscoli lisci posti nella parete dei bronchi i quali, contraendosi, riducono il diametro interno del bronco stesso, rendendo in tal modo più difficoltoso il normale passaggio dell’aria. La restante parte dell’ostruzione dei bronchi, quella cioè “non broncospastica”, è da riferire in parte all’edema della parete bronchiale, intendendo con tale termine la presenza di quel liquido che infiltra la parete bronchiale e che è presente nel corso di qualunque processo infiammatorio (si tenga conto del fatto che l’asma è soprattutto infiammazione, prima che broncospasmo) e in parte alla presenza di secrezioni bronchiali che si producono nel corso dell’infiammazione e che tendono a ostruire i bronchi. Questi ultimi, già preda di spasmo muscolare e di edema della parete, accentuano, con la presenza di questo secreto catarrale, la loro ostruzione, riducendo ulteriormente il flusso dell’aria.

I bronchi, così ridotti nel diametro interno del loro lume dalle tre cause viste sopra, divengono responsabili di una crisi respiratoria asmatica che si manifesta con la comparsa di quattro sintomi caratteristici:

  • dispnea: definibile, in senso lato, come “ disagio respiratorio” . E’ diretta espressione di quella fatica a respirare che dipende dall’ostruzione bronchiale
  • tosse: è questo un altro tipico sintomo con il quale si rende manifesta una crisi d’asma. Il paziente, all’inizio della crisi asmatica, inizia spesso a tossire, annunciando con una tosse secca, ma non raramente anche produttiva con espettorazione di secreto denso, il broncospasmo che di li a poco accentuerà la fatica a respirare e si renderà responsabile del sintomo seguente
  • sibilo espiratorio: il “fischietto”, così molto spesso viene chiamato il classico sibilo che si rende evidente in fase espiratoria nel corso di una crisi asmatica, è espressione del ridotto calibro interno dei bronchi. Questo, ridotto ad un sottile spazio, produce un rumore sibilante durante l’emissione dell’aria dai polmoni, generando quel “respiro sibilante” che caratterizza la crisi d’asma (vedi “ Sento un fischietto quando respiro! Che cos’è?)
  • senso di costrizione al petto: è la diretta conseguenza delle alterazioni ostruttive cui vanno incontro i bronchi nel corso di una crisi d’asma.

Fin qui ho descritto tutto ciò che appartiene al quadro di un asma bronchiale in condizioni di “normalità”, quando cioè sono presenti tutti e quattro i sintomi caratteristici della malattia. Ma non tutti i casi di asma bronchiale si presentano in questo modo. Esiste, infatti, un certo numero di casi in cui il paziente non presenta i quattro sintomi suddetti, per lo meno all’inizio, ma manifesta invece il suo stato asmatico solamente attraverso una tosse insistente (vedi “ Tosse e allergia: il parere dello pneumologo”).

Leggi tutto: Tosse come equivalente asmatico: l’asma, “quasi” asma, spiegato dallo pneumologo

Test alla metacolina e asma bronchiale: il punto dello pneumologo

asma e test metacolina

Il test alla metacolina, sostanza ad azione stimolante i recettori muscarinici che si trovano a livello dei muscoli lisci bronchiali, consiste in un esame funzionale respiratorio non invasivo che si rende necessario nei casi in cui il paziente riferisca all’anamnesi una dispnea con caratteristiche tali da far supporre al medico la possibile presenza di un asma bronchiale (vedi “Asma bronchiale: malattia da conoscere” – “ Sento un fischietto quando respiro! Che cos’è?”), in assenza di sintomi respiratori propri di tale condizione (tosse , dispnea, sibilo espiratorio e senso di costrizione toracica) nel momento in cui lo stesso si sottopone alla visita pneumologica, o di alterazioni ostruttive dei bronchi documentabili con la spirometria. Per dirla in altri termini, il test alla metacolina è indispensabile allo pneumologo per comprendere se il paziente presenti o meno un’iperreattività bronchiale aspecifica , condizione che se dimostrata con la positività del test lo farebbe più facilmente orientare verso una diagnosi di asma sulla sola base del racconto delle crisi respiratorie del paziente, pur in assenza di un’obiettività bronco-ostruttiva (esame fisico del paziente o spirometria) presente al momento della visita.

E’ noto quanto la presentazione dei sintomi dell’asma, specie per quanto attiene all’asma allergico, sia variabile nel corso del tempo anche e soprattutto in funzione della presenza nell’ambiente dell’allergene al quale il paziente si sia sensibilizzato (vedi “Malattie allergiche delle vie aeree” – “ Pollinosi ” – “ Asma allergico con prove allergologiche negative: il parere dello pneumologo ”). Esistono situazioni particolari nel corso delle quali il paziente può presentare sintomi di asma poi non più confermabili nel corso della valutazione specialistica pneumologica. Vediamone alcune.

Leggi tutto: Test alla metacolina e asma bronchiale: il punto dello pneumologo

Bambini, smog a Torino e rischio di malattie: il punto dello pneumologo

bambini smog e malattie

Non solo malattie respiratorie e allergie come conseguenza della presenza sempre più importante di smog inquinante nelle nostre città, ma un vero e proprio attentato alla salute dei nostri bambini in grado di provocare talora anche gravi malattie legate a mutazioni del materiale genetico (DNA) delle loro cellule. E’ quanto emerge da uno studio sulle conseguenze biologiche degli inquinanti dell’aria, tra i quali i corpuscolati di diversa grandezza e l’ozono, finanziato dalla Commissione Europea nel corso del 2013 e denominato “Mapec Life”, che ha preso in considerazione circa 1200 bambini di età compresa tra 6 e 8 anni di varie città d’Italia, tra le quali Torino.

Alcune di queste microscopiche particelle, anche di dimensioni inferiori alle già assai minute particelle corpuscolate del PM2,5, sono in grado di trasferire i prodotti tossici di cui sono costituite addirittura all’interno delle cellule dell’organismo umano, determinando effetti nocivi irreversibili (mutazioni del materiale genetico) in grado di provocare malattie talora decisamente serie tra le quali tumori d’organo, linfomi maligni e leucemie. Importante il fatto che la probabilità di giungere a quadri patologici di tale gravità sia direttamente proporzionale alla quantità di sostanze con le quali il soggetto giunge a contatto e al tempo di esposizione alle stesse.

Ciò che viene definito nel corso di questo studio è che, non soltanto asma bronchiale, bronchite cronica, broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) ed enfisema polmonare, per stare alle più comuni malattie respiratorie croniche, possono essere bersaglio dell’inquinamento aereo, complicandosi con quadri di riacutizzazione infiammatoria delle vie aeree, ma vere e proprie mutazioni del DNA, specie per quanto documentato proprio nella popolazione pediatrica di Torino, possono creare la premessa per lo sviluppo di malattie tumorali più facilmente indotte dalle micro-particelle del PM0,5, ulteriormente aggravate dall’eventuale esposizione passiva dei bimbi al fumo di sigaretta (vedi “ Fumo di sigaretta, tosse, catarro e tumore del polmone: i consigli dello pneumologo ”) o da un’alimentazione inadeguata e ipercalorica che conduca al sovrappeso.

Leggi tutto: Bambini, smog a Torino e rischio di malattie: il punto dello pneumologo

Il cambiamento della respirazione nell’anziano: il parere dello pneumologo

anziani cambiamento respirazione

Capita spesso, alle persone anziane, di “ fare fatica a fare le scale ”, una fatica ben superiore a quella che facevano un tempo, o che, pur avendo ancora una buona capacità muscolare e motoria, di non riuscire magari più a star dietro a un nipotino che corre, se non incominciando precocemente a sbuffare e a sentire “il fiato che manca ” e che “taglia” le gambe. E capita anche, purtroppo, di vedere come tali situazioni, che sicuramente allarmerebbero un giovane, dall’anziano vengano invece spesso vissute con la rassegnata convinzione che si ha di fronte alle cose inevitabilmente irrisolvibili. Una sorta di “Tanto ormai sono cosi!”.

L’idea che l’anziano “ respiri male perché è anziano” preclude, a chi è avanti con gli anni, la possibilità di riguadagnare un possibile benessere respiratorio, solo perché convinto che non si possa far nulla a causa dell’età. Ciò che invece deve passare è che l’anziano respira male, non perché “è anziano”, ma perché “ è ammalato”! Se è vero il fatto che da anziani più facilmente ci si ammali di qualche forma respiratoria che genera dispnea (disagio respiratorio), è vero anche che fin tanto che persiste la falsa credenza che “ da anziani non si può respirare più di tanto … perché il respiro ormai è così … e il respiro pesante nell’anziano non risponde più alle cure ”, come se l’anziano ammalato non dovesse poter guarire solo in virtù del fatto che “è anziano” (deleteria l’equivalenza: anziano = individuo senza possibilità di essere curato con successo ), non si può pensare di poter donare anche a queste persone il piacere di poter magari tornare a respirare, se non proprio come un tempo, almeno in un modo che pressappoco gli si avvicini.

Spesso le cure prescritte all’anziano, dopo un corretto percorso diagnostico che consenta di definire con precisione il motivo del suo “respirare male” ritenuto a torto senza soluzione, non sono meno efficaci di quelle prescritte a una persona di media età. L’unica differenza, in realtà, consiste nel fatto che, mentre nelle decadi centrali gli ammalati di patologie respiratorie ancora ricercano in modo attivo una soluzione al loro disagio respiratorio sentito anormale, negli anziani, convinti ormai di una loro oggettiva “ inguaribilità” dal disagio respiratorio, viene spesso a mancare quel “credo” che li potrebbe avvicinare allo specialista e a una possibilità di cura spesso risolutiva, a patto che ne venisse accetta, come capita in chi è più giovane, una disponibilità alla diagnosi e alla relativa terapia.

La prima cosa che consiglio di fare in una famiglia in cui sia presente un anziano che respiri male, è di fare in modo che divenga “ consapevole” del suo anomalo modo di respirare modificatosi lentamente negli anni, consigliato in ciò da chi in famiglia gli sta più vicino e che su di lui ha più ascendente. Qualche volta, infatti, non è necessario iniziare da chissà quali atti invasivi, ma è sufficiente fargli provare come anche solo una piccola cosa, un “banale” esercizio da praticare in corso di marcia normale, sia in grado di modificare già in meglio il disagevole modo di percepire il respiro (vedi “ Migliorare da subito il proprio modo di respirare”).

Leggi tutto: Il cambiamento della respirazione nell’anziano: il parere dello pneumologo

Asma bronchiale, allergie e olio di pesce in gravidanza: lo pneumologo e la prevenzione

olio di pesce in gravidanza

Prevenzione dell’asma bronchiale e vita intra-uterina: una realtà interessante nuovamente portata all’attenzione del mondo scientifico. Un recente articolo comparso sulla prestigiosa rivista americana “Journal of Allergy and Clinical Immunology ”, sembra, infatti, confermare la notevole importanza che ha, nel corso della gravidanza, la particolare situazione vissuta dal feto in utero in relazione alla sua possibilità di essere già oggetto, sin da tale periodo, di numerosi fattori responsabili della sua salute futura , intesa non solamente nei termini dell’età neonatale, successivamente al parto e nel corso dei primi mesi di vita, ma altresì riguardante la salute dell’individuo fino al raggiungimento dell’età adulta. L’olio di pesce somministrato alle gravide, infatti, sembra avere un notevole vantaggio nel prevenire asma bronchiale e allergie respiratorie nel nascituro.

Da un punto di vista chimico, l’olio di pesce acquistabile in perle, generalmente confezionato in una gelatina che tende a preservarne la stabilità delle proprietà organolettiche e biochimiche, o in forma liquida avente, tuttavia, l’innegabile svantaggio di un sapore spesso non certamente piacevole, contiene una gran quantità di acidi grassi essenziali polinsaturi a lunga catena (PUFA) di tipo omega-3, spesso complessivamente indicati come “vitamina F”, comprendenti:

  • EPA: o acido eicosapentaenoico
  • DHA: o acido docosaesaenoico
  • ALA: o acido α-linolenico

L’uomo è in grado di sintetizzare dall’acido linolenico (ALA), solo piccole quantità di EPA e di DHA, che per non risultare carenti devono essere introdotti già preformati attraverso la dieta. Tali indispensabili principi sono presenti in quantità elevata nel pesce, nell’olio di pesce e nei crostacei, mentre le noci sono ricche di oli contenenti grandi quantità di acido linolenico (ALA), così come l’olio di soia e i legumi.

Ricordo come gli acidi grassi omega-3, siano fondamentali nella formazione dei tessuti in crescita in quanto componenti essenziali delle membrane cellulari. Essi entrano, come componenti fondamentali, nella formazione dei tessuti della retina dell’occhio e del sistema nervoso centrale del feto. Sono dotati di capacità antiaggregante sulle piastrine e come tale, di un’attività anti-trombotica naturale, e riducono i valori eccessivi del colesterolo e dei trigliceridi presenti nel sangue, rappresentando ulteriori vantaggi sulla prevenzione di patologie quali l’aterosclerosi, le patologie cardio-vascolari anche aritmiche e l’ipertensione arteriosa.

Ciò che viene preso in esame dagli autori danesi che hanno pubblicato l’articolo, si riferisce alla conferma della capacità protettiva e preventiva che sembra avere una supplementazione di acidi grassi polinsaturi essenziali omega-3 a lunga catena (PUFA) contenuti nell’olio di pesce, somministrata alla gravida nel solo terzo trimestre di gravidanza (l’olio di pesce non dev’essere prescritto soprattutto nel corso del primo e del secondo trimestre, periodi nei quali può provocare problemi al prodotto del concepimento), sull’asma bronchiale del nascituro e, più in generale, su di una più ampia gamma di malattie allergiche respiratorie di cui potrebbe soffrire.

Leggi tutto: Asma bronchiale, allergie e olio di pesce in gravidanza: lo pneumologo e la prevenzione

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Pneumologo-ballor.it utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito è impostato per consentire l`utilizzo di tutti i cookies. Se si continua a navigare, si accetta e si approva la nostra policy sull`impiego di cookies. Per saperne di più sulla nostra policy dei cookies.