Dott. Enrico Ballor – Pneumologo Torino
BPCO Terapie e Consigli

La Depressione Interferisce con la Riabilitazione della BPCO

E’ un fatto tristemente vero: un paziente su tre non porta a termine il programma riabilitativo respiratorio a causa di un concomitante disturbo depressivo.

Uno degli aspetti che lo specialista pneumologo conosce molto bene e che, anzi, ritiene prioritario, quando si parla della corretta gestione dei pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), è la necessità di adoperarsi con essi affinché

  • non solo accettino di aderire a un programma di riabilitazione funzionale respiratoria a loro specificamente dedicato
  • ma ancor più proseguano con costanza, fino al termine, il trattamento riabilitativo proposto.

Sia nel caso di pazienti affetti da bronchite cronica, infatti, sia per quelli con BPCO (vedi “Ho la bronchite cronica o la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO?)”), la riabilitazione respiratoria opera positivamente non solo sulla possibilità di ridurre la percezione della dispnea (difficoltà respiratoria), ma altresì sulla possibilità che essi giungano ad affrontare meglio la giornata, nonostante la malattia, ottimizzando le risorse fisiche e riducendo la fatica.

Il paziente affetto da BPCO può trovare, nel programma riabilitativo proposto dallo specialista pneumologo, non semplicemente la sola ginnastica respiratoria (vedi “Esercizi respiratori per pazienti con BPCO: la ginnastica respiratoria consigliata dallo pneumologo”), ma altresì una serie di interventi finalizzati a migliorare la sua condizione respiratoria, la sua qualità di vita e la tolleranza allo sforzo.

Tra queste proposte ne compaiono alcune orientate a favorire:

Esistono purtroppo conferme, descritte dai risultati di studi scientifici pubblicati su autorevoli riviste internazionali, che segnalano l’importanza che ha la depressione dell’umore di interferire negativamente, talora in modo importante, con la capacità del paziente affetto da BPCO di aderire ad un programma riabilitativo respiratorio o di mantenersi costante nel proseguirlo una volta iniziato.

Si ritiene, infatti, che circa un paziente su tre non porti a termine il programma riabilitativo respiratorio a causa di un concomitante disturbo depressivo.

Tali studi, inoltre, segnalano, nei pazienti affetti da BPCO, una mortalità maggiore nella classe di coloro che non seguono un programma riabilitativo respiratorio rispetto a coloro che invece lo completano.

Stando così le cose, consiglierei sempre di procedere ad una valutazione preliminare del tono dell’umore nei pazienti affetti da BPCO, potenzialmente avviabili alla riabilitazione respiratoria.

Ciò consentirebbe di individuare precocemente quei pazienti che, difficilmente arruolabili in programmi riabilitativi a causa delle previsioni negative sulle cure favorite dallo stato depressivo, potrebbero trarre vantaggio da un trattamento antidepressivo, ottenendo una duplice favorevole risposta nei termini di un umore migliore e di un miglior controllo dei sintomi della BPCO derivante dai vantaggi fisici di un programma riabilitativo che, da un paziente più sereno, più facilmente verrebbe accettato e mantenuto fino alla fine.

Ricorderei, inoltre, come la relazione tra depressione e disagio respiratorio legato alla BPCO operi nei due sensi:

  • non solamente il paziente depresso, in virtù della sua naturale tendenza tutta depressiva al ritiro sociale, accetta più difficilmente di mettersi in gioco in un programma riabilitativo che potrebbe rendere meno gravosa la sua malattia respiratoria
  • ma è vero anche il fatto che il paziente con BPCO, anche a causa del mancato beneficio derivante da una riabilitazione respiratoria spesso rifiutata, più facilmente rischia la depressione come conseguenza di un miglioramento della malattia nel quale sempre meno crede.

Un adeguato trattamento non solamente con farmaci antidepressivi, ma altresì con interventi di tipo psicoterapico e di counseling, consentirebbe di spezzare, a tutto favore del più generale benessere del paziente, quel modello di ricorsività circolare del tipo:

 

Hai Ancora Dubbi? Chiedi al Dott. Ballor!

Faccio il possibile per scrivere i miei articoli informativi nel modo più chiaro, semplice e soprattutto esaustivo che si possa.

Consiglio sempre ai miei lettori di leggere i link di approfondimento che propongo su ciascun articolo.

Se però hai qualche domanda specifica su questo argomento alla quale non hai trovato risposta, sarò felicissimo di risponderti!

Non solo!

Se la tua domanda sarà di interesse generale e soprattutto non trattata prima né su Medicina del Respiro né su questo sito, ne creerò anche un articolo ricco di utili informazioni mediche.

Inviami la tua domanda, sii chiaro e dettagliato a sufficienza ma per piacere, tieni a mente una cosa fondamentale.

Faccio sempre il possibile per dedicare il tempo necessario nella lettura di tutte le domande che mi vengono poste, ma a causa delle mie svariate attività cliniche e del numero decisamente alto di quesiti che ogni giorno mi vengono posti non sono sempre in grado di garantire tempi di risposta rapidi.

Hai urgenza e non puoi aspettare?

Non ci sono problemi.

Se credi che il tuo caso abbia carattere di urgenza e debba ricevere una consulenza medica specialistica puoi prenotare da qui una visita privata presso il mio studio.

Hai apprezzato questo articolo?

Realizzare questo sito e i suoi contenuti ha richiesto anni di lavoro.

Non solo: creare continuamente articoli informativi richiede un sacco di tempo, come puoi immaginare.

Non c’è miglior grazie che io possa ricevere da te se non sapere che condividerai questo articolo su Facebook, Twitter o LinkedIn.

A presto!

Firma del Dott. Enrico Ballor - Pneumologo a Torino (50px)

Articoli correlati

Bambini, Smog e Rischio di Malattie: il Punto dello Pneumologo

Dott. Enrico Ballor

Ossimetria (Saturimetria)

Dott. Enrico Ballor

Perdita di Memoria e Malattie Respiratorie: lo Pneumologo e la Riabilitazione Neuro-Cognitiva

Dott. Enrico Ballor

Lascia un commento