Dott. Enrico Ballor – Pneumologo Torino
Sintomi e Diagnostica

Tosse, Rinite e Denti: quale Relazione? Uno Strano Caso Clinico per lo Pneumologo

Tra le molte cause di tosse persistente non è un mistero che i problemi sinusali, specie quelli relativi ad un’infiammazione cronica dei seni paranasali, rappresentino spesso patologie di pertinenza otorinolaringoiatrica sicuramente da non trascurare nel corso dell’iter diagnostico che porta ad individuarne le ragioni.

Sinusite acuta e cronica, infatti, possono rendersi responsabili di una tosse insistente, sia nella forma secca e irritativa (vedi “Tosse secca o tosse senza catarro: il parere dello pneumologo”), sia in quella più catarrale e “produttiva ” (vedi “Tosse con catarro: il parere dello pneumologo”).

In caso di sinusite mascellare cronica, ad esempio, è indispensabile escludere la presenza di problemi odontoiatrici, tra i quali quelli che portano a situazioni nelle quali la spina irritativa responsabile del mantenimento dell’infiammazione del seno mascellare può essere rappresentata dalla presenza di una radice dentaria ( sinusite mascellare odontogena), spesso con problemi dell’apice dentario (granuloma apicale), che si affaccia alla superficie interna della cavità sinusale o che, peggio ancora, ne invade lo spazio.

Tali situazioni, documentabili attraverso un’ortopantomografia delle arcate dentarie (panoramica dentaria) o una TAC del massiccio faciale, necessitano di un intervento chirurgico-odontoiatrico che elimini la fonte dell’infiammazione e che consenta di ottenere una perfetta chiusura della comunicazione tra arcata alveolare e seno mascellare.

Il caso clinico che riporto è relativo ad una situazione molto particolare occorsami nel corso dell’attività professionale.

Il motivo per il quale un giovane di 23 anni si era presentato alla mia osservazione per essere visitato, era la persistenza di una tosse produttiva accompagnata da rinite e da dispnea che permaneva ormai da quasi un anno.

La visita otorinolaringoiatrica alla quale si era già precedentemente sottoposto rilevava una secrezione catarrale nelle fosse nasali in presenza di un faringe iperemico (arrossato).

Frequenti erano gli episodi di faringite (mal di gola), con una difficoltà respiratoria prevalentemente secondaria alla condizione di persistente ostruzione delle fosse nasali.

Sia le prove allergometriche che gli prescrissi (vedi “Malattie allergiche delle vie aeree” – “Tosse e allergia: il parere dello pneumologo”), sia la spirometria alla quale lo sottoposi, non rilevarono problemi che potessero giustificare i sintomi presentati.

Nonostante la visita otorinolaringoiatrica non avesse riscontrato segni di sinusite che consentissero di spiegare la secrezione rino-faringea e la tosse persistente (post-nasal drip e sindrome sinuso-bronchiale), ad un certo punto preferii prescrivere al paziente una TAC del massiccio facciale.

TAC massiccio facciale

E qui giunse la sorpresa: un’anomala comunicazione rino-mascellare di tipo fistoloso in corrispondenza di un incisivo superiore prossimo alla linea mediana, che pareva portare un granuloma presente all’apice del dente a contatto con la superficie interna del pavimento delle fosse nasali.

Tale condizione sembrava essere alla base dell’infezione persistente delle stesse e del faringe a causa dello scivolamento posteriore del catarro infetto, che rendeva necessari cicli di terapia antibiotica che parevano risultare risolutivi nel breve termine, salvo poi ripresentare lo stesso quadro infettivo-infiammatorio pre-trattamento qualche giorno dopo la sospensione della terapia antibiotica, con ricomparsa della tosse e della produzione catarrale.

Un intervento di chirurgia odontoiatrica consentì di ripristinare una condizione di normalità, che permise al paziente di risolvere stabilmente il suo problema.

Dopo l’intervento, infatti, egli smise di presentare faringiti ricorrenti, si risolse completamente la persistente ostruzione nasale non-allergica (vedi “Rinite allergica”) e scomparve completamente quella tosse produttiva che lo aveva portato nel mio studio.

 

Vuoi saperne di più?

Faccio il possibile per scrivere i miei articoli informativi nel modo più chiaro, semplice e soprattutto esaustivo che si possa.

Consiglio sempre ai miei lettori di leggere innanzitutto i link di approfondimento che propongo su ciascun articolo.

Hai bisogno di un parere medico per il tuo caso?

Non ci sono problemi.

Se credi che il tuo problema abbia carattere di urgenza e debba ricevere una consulenza medica specialistica puoi prenotare da qui una visita privata presso il mio studio.

Hai apprezzato questo articolo?

Realizzare questo sito e i suoi contenuti ha richiesto anni di lavoro.

Non solo: creare continuamente articoli informativi richiede un sacco di tempo, come puoi immaginare.

Non c’è miglior grazie che io possa ricevere da te se non sapere che condividerai questo articolo su Facebook, Twitter o LinkedIn.

A presto!

Firma del Dott. Enrico Ballor - Pneumologo a Torino (50px)

Articoli correlati

Tosse e Sangue dalla Bocca: è sempre Tumore?

Dott. Enrico Ballor

Tosse come Equivalente Asmatico: l’Asma, “quasi” Asma, Spiegato dallo Pneumologo

Dott. Enrico Ballor

La Cianosi: il Colore Blu delle Labbra, delle Unghie e della Cute, Spiegato dallo Pneumologo

Dott. Enrico Ballor
CHE COS'E' E COME VIENE FATTA

Visita Pneumologica

Scopri - in maniera semplice - tutte le fasi della visita specialistica e come il Dott. Enrico Ballor valuta il paziente per il disturbo che presenta.
GUARDA IL VIDEO
Pneumologo Torino Dott Ballor favicon - 512px
close-link
Pneumologo Torino Dott Ballor favicon - 512px
Che cos'è (e come viene fatta) una Visita Pneumologica?
Guarda il Video
close-image