Dott. Enrico Ballor – Pneumologo Torino
Sintomi e Diagnostica

Respirazione e Postura: il Parere dello Pneumologo

Senza che ce ne rendiamo conto, assumiamo spesso posture scorrette quando non respiriamo bene e allo stesso modo, posture scorrette possono incidere negativamente sulla respirazione portandoci a pattern respiratori tutt’altro che funzionali. Postura e respirazione, quindi, possono reciprocamente influenzarsi, andando ad incidere su numerosi fattori che regolano il nostro personale “stare bene” ed il nostro ancor più mal definibile “stare male”.

Vediamo, allora, quali dinamiche stanno alla base del reciproco influenzarsi della respirazione e della postura, analizzando in modo più preciso quanto l’una possa agire sull’altra, operando in senso biunivoco fino a rappresentare un problema.

  • E’ noto quanto importante sia l’assunzione di una corretta posizione seduta di fronte alla tastiera di un computer (PC di lavoro) o seduti, in ufficio, alla scrivania utilizzata per le attività ordinarie.
    Espletare, infatti, le proprie mansioni quotidiane seduti su di una sedia con un piano di seduta troppo alto o troppo basso rispetto al piano di lavoro, rischia di sovraccaricare, rispettivamente, la muscolatura para-vertebrale o la muscolatura degli arti superiori obbligando, nel primo caso, la schiena ad un’anomala e controproducente posizione flessa in avanti e, nel secondo, le braccia ad operare sospese con maggior fatica.La posizione a “schiena flessa”, con l’inevitabile accentuazione della cifosi dorsale che ne deriva (vedi l’immagine che introduce il testo), determina infatti quella compressione dell’addome e del diaframma che può rendere molto più faticosa l’inspirazione (immissione dell’aria nei polmoni), appesantendo in modo poco funzionale il lavoro della muscolatura respiratoria e determinando, nel tempo, la possibile comparsa di dolori e di tensioni muscolari che impediscono una respirazione libera e fisiologica.
    In questi pazienti, inoltre, le contratture del muscolo trapezio possono rendersi responsabili di una persistente sindrome dolorosa della regione cervicale e delle spalle, spesso accompagnata da rigidità muscolare e cefalea.La posizione a “braccia sospese”, invece, obbligando il torace a permanere a lungo in posizione “inspiratoria” come conseguenza del mantenimento stabile delle braccia sollevate, rende più difficile, faticosa e incompleta l’espirazione (svuotamento dei polmoni), obbligando ad un lavoro aggiuntivo i muscoli espiratori del torace fino al punto di determinare tensioni e dolori muscolari incompatibili con una respirazione “sciolta”.
    Oltre a ciò, l’incompleto svuotamento cronico dell’aria dai polmoni impedisce un fisiologico completamento del ciclo respiratorio (inspirazione / espirazione), cosa questa che può influenzare negativamente la piacevole e “silenziosa” percezione del proprio respiro.

  • Come già detto, la comparsa, nel tempo, di quadri dolorosi secondari a spasmi e a contratture muscolari generate dalle posture scorrette, può modificare l’atto respiratorio fino a costringerlo in una forzatura anomala e spesso faticosa, ben lontana da ciò che è invece richiesto ad una respirazione libera che origini in modo prevalente dal respiro diaframmatico (vedi “Paralisi del diaframma e lesioni del nervo frenico: il punto dello pneumologo”).
    Il diaframma, infatti, è il muscolo sul quale poggia circa il 90% della normale respirazione in condizioni di riposo ed una qualunque causa responsabile di sovraccarico funzionale o, peggio ancora, di affaticamento, incide significativamente sulla funzione respiratoria e più ancora, sui sintomi dichiarativi di una sua alterazione.

  • Quanto sopra riferito a proposito delle implicazioni negative che una posizione scorretta può avere sulla funzione respiratoria “lato sensu” intesa e sulle relative spiacevoli sensazioni conseguenti, non deve far pensare che il problema si esaurisca solo in tali termini.
    Se è vero, infatti, che “posture anomale” risultano spesso generatrici di “respiri anomali”, è vero anche che molti pazienti affetti da patologie respiratorie tendono spesso ad assumere posizioni “non normali”, a loro volta causa di disagio respiratorio e di dolori muscolari posturali.
    Caso classico è quello dell’atteggiamento costantemente inspiratorio a “torace espanso” (torace “insufflato”) dei pazienti affetti da enfisema polmonare, con le inevitabili conseguenze negative che l’assunzione stabile di questa posizione provoca sulla muscolatura accessoria respiratoria del torace, diaframmatica e degli arti superiori.
    Tensioni e contratture muscolari sono, infatti, assai frequenti in questi pazienti o in chi è affetto da BPCO, e su di esse si focalizza spesso l’attenzione dei terapisti della respirazione (vedi “Esercizi respiratori per pazienti con BPCO: la ginnastica respiratoria consigliata dallo pneumologo” – “Ginnastica respiratoria, BPCO e Yoga: il parere dello pneumologo”).
    Insegnare al paziente a migliorare il proprio rapporto tra atteggiamento posturale e respirazione (ginnastica diaframmatica, ecc.) può aiutarlo qualche volta, anche in tempi rapidi, a liberarsi di una parte talora significativa della disagevole sensazione di fatica che fa a respirare (vedi “Migliorare da subito il proprio modo di respirare” – “Il cambiamento della respirazione nell’anziano: il parere dello pneumologo”), aiutando i suoi automatismi statici e motori, posturali e respiratori, a riguadagnare uno spazio di maggior benessere respiratorio.

Visita Pneumologica

Che cos’è (e come viene fatta)?

Scopri tutte le fasi della visita specialistica e come il Dott. Enrico Ballor valuta il paziente per il disturbo che presenta.

Guarda il Video
Pneumologo Torino Dott Ballor favicon - 512px

 

Vuoi saperne di più?

Faccio il possibile per scrivere i miei articoli informativi nel modo più chiaro, semplice e soprattutto esaustivo che si possa.

Consiglio sempre ai miei lettori di leggere innanzitutto i link di approfondimento che propongo su ciascun articolo, nonché di visitare il portale Medicina del Respiro.

Medicina del Respiro: insieme per respirare meglio
Scopri Medicina del Respiro, il portale dedicato a chi vuole capire meglio il proprio modo di respirare

Hai bisogno di un parere medico per il tuo caso?

Non ci sono problemi.

Se credi che il tuo problema abbia carattere di urgenza e debba ricevere una consulenza medica specialistica puoi prenotare da qui una visita privata presso il mio studio.

Hai apprezzato questo articolo?

Realizzare questo sito e i suoi contenuti ha richiesto anni di lavoro.

Non solo: creare continuamente articoli informativi richiede un sacco di tempo, come puoi immaginare.

Non c’è miglior grazie che io possa ricevere da te se non sapere che condividerai questo articolo su Facebook, Twitter o LinkedIn.

A presto!

Firma del Dott. Enrico Ballor - Pneumologo a Torino (50px)

Altri Articoli Interessanti

Asma Allergico e Allergie Respiratorie: 20 Consigli Utili per l’Igiene della Casa

Dott. Enrico Ballor

La Biopsia Bronchiale, Polmonare e Pleurica Spiegate dallo Pneumologo

Dott. Enrico Ballor

Malignità Nodulo Polmonare: Sufficiente la PET?

Dott. Enrico Ballor
CHE COS'E' E COME VIENE FATTA

Visita Pneumologica

Scopri - in maniera semplice - tutte le fasi della visita specialistica e come il Dott. Enrico Ballor valuta il paziente per il disturbo che presenta.
GUARDA IL VIDEO
Pneumologo
close-link
Pneumologo
Che cos'è (e come viene fatta) una Visita Pneumologica?
Guarda il Video
close-image