Dott. Enrico Ballor – Pneumologo Torino
Asma

Criceti, Cavie, Topi e Conigli: lo pneumologo e l’Asma da Piccoli Roditori Domestici

Tanto graziosi, morbidi e di compagnia, quanto purtroppo a volte portatori di un problema di non facile soluzione. 

Criceti, cavie, topi e conigli… senza dimenticare i furetti, che non sono roditori ma mustelidi, e gli altri piccoli roditori domestici meno comuni, criceti, cavie e cavie peruviane, topi e topolini e l’immancabile coniglio (meglio se “nano”), amico dei bambini, sono entrati da qualche anno a pieno titolo tra gli animali che amiamo tenere nelle nostre case per allietare le giornate a noi, e ai nostri cari.

Niente di più bello che accarezzare il pelo morbido di questi graziosi animaletti che c’inducono tenerezza e protezione. Niente di più bello di sentire tra le nostre mani la loro indifesa vulnerabilità, specie se messa a confronto con le nostre ben più grandi dimensioni di sapiens bipedi.

Eppure, dietro a tanta apparente innocuità mansueta, si nasconde qualche volta, oltre ad una possibile poco piacevole morsicatura regalataci dal nostro amico poi non così contento di farsi continuamente “pasticciare” dalle nostre mani, ciò che in qualche caso rischia di rappresentare un problema di non facile soluzione.

Vediamo, allora, di cosa si tratta.

Allergia e Asma da Piccoli Roditori: cosa le causa?

Come ogni animale dotato di pelo anche i roditori, indipendentemente dalle loro dimensioni, proprio in quanto portatori di una folta pelliccia e di una superficie cutanea facilmente desquamabile, eliminano con grande facilità derivati epidermici (forfora animale) e peli, lasciando tracce della perdita dei loro annessi e del materiale furfuraceo sui nostri indumenti e su divani, letti e poltrone.

Ciò che non tutti sanno è che non si è allergici al pelo dell’animale, né alla forfora prodotta della desquamazione degli strati più superficiali della sua cute (pelle), ma ciò che rappresenta la componente allergizzante responsabile dei sintomi che compaiono successivamente all’avvenuta sensibilizzazione, è una serie di prodotti proteici presenti nella saliva dell’animale, dotati di maggiore o minore “allergenicità” (capacità allergizzante).

Tali proteine, rilasciate dalla saliva sulla pelliccia e sulla cute durante le operazioni di pulizia dell’animale (leccamento), vengono poi liberate nell’ambiente sfruttando forfora e peli come veicolo di diffusione ambientale.

In tal modo, giunti a contatto con il bersaglio (cute o mucose respiratorie), esse esprimono tutta la loro forza patogena generando la sintomatologia allergica diversa da caso a caso, in modo non dissimile da quanto avviene in caso di pollinosi (vedi “Malattie allergiche delle vie aeree”).

Si va quindi

Talvolta l’unico sintomo può consistere più semplicemente in una manifestazione dermatologica, con orticaria allergica e prurito cutaneo.

Le manifestazioni cliniche dell’allergia ai roditori domestici, quindi, si presentano con meccanismi patogenetici, modalità di comparsa dei sintomi e manifestazioni cliniche non tanto diverse da quelle che ho già presentato a proposito dell’asma e delle forme allergiche respiratorie da allergeni del cane e del gatto (vedi “Bimbi, animali domestici, asma e allergie respiratorie: i consigli dello pneumologo” – “Asma allergico da pelo del cane: il parere dello pneumologo” – “Asma allergico da pelo del gatto: il parere dello pneumologo”).

Ciò che tuttavia spesso inganna il paziente e il medico è il non “immaginare” che quel piccolo animale presente nella nostra casa possa essere la fonte del disturbo allergico e del disagio respiratorio lamentato.

Il problema delle diagnosi mancate o ritardate anche per lungo tempo, consiste in fondo in una difficoltà culturale e di abitudine a considerare una cavia peruviana al pari di un cane o di un gatto, quando ci si confronti con l’asma o con i sintomi dell’allergia.

Si tenga, pertanto, sempre presente quanto descritto in questo testo, ogni qual volta ci si trovi nella necessità di dover comprendere da dove nasca un disturbo respiratorio di un adulto o di un bambino.

Proprio in quanto la sensibilizzazione allergica all’animale necessita di un variabile periodo di contatto e di vicinanza per realizzarsi, nell’abitazione nella quale sia presente un piccolo roditore da compagnia non escludere mai a priori la responsabilità dello stesso nella genesi dei disturbi di cui sopra solo perché, per anni, quel batuffolo di pelo ci è magari stato accanto senza crear problemi.

 

Hai Ancora Dubbi? Chiedi al Dott. Ballor!

Faccio il possibile per scrivere i miei articoli informativi nel modo più chiaro, semplice e soprattutto esaustivo che si possa.

Consiglio sempre ai miei lettori di leggere i link di approfondimento che propongo su ciascun articolo.

Se però hai qualche domanda specifica su questo argomento alla quale non hai trovato risposta, sarò felicissimo di risponderti!

Non solo!

Se la tua domanda sarà di interesse generale e soprattutto non trattata prima né su Medicina del Respiro né su questo sito, ne creerò anche un articolo ricco di utili informazioni mediche.

Inviami la tua domanda, sii chiaro e dettagliato a sufficienza ma per piacere, tieni a mente una cosa fondamentale.

Faccio sempre il possibile per dedicare il tempo necessario nella lettura di tutte le domande che mi vengono poste, ma a causa delle mie svariate attività cliniche e del numero decisamente alto di quesiti che ogni giorno mi vengono posti non sono sempre in grado di garantire tempi di risposta rapidi.

Hai urgenza e non puoi aspettare?

Non ci sono problemi.

Se credi che il tuo caso abbia carattere di urgenza e debba ricevere una consulenza medica specialistica puoi prenotare da qui una visita privata presso il mio studio.

Hai apprezzato questo articolo?

Realizzare questo sito e i suoi contenuti ha richiesto anni di lavoro.

Non solo: creare continuamente articoli informativi richiede un sacco di tempo, come puoi immaginare.

Non c’è miglior grazie che io possa ricevere da te se non sapere che condividerai questo articolo su Facebook, Twitter o LinkedIn.

A presto!

Firma del Dott. Enrico Ballor - Pneumologo a Torino (50px)

Articoli correlati

Asma, Glaucoma e Cataratta: lo Pneumologo e le Malattie degli Occhi

Dott. Enrico Ballor

Asma, Stress, Ansia e Depressione: il Parere dello Pneumologo

Dott. Enrico Ballor

Asma e Clima: il Parere dello Pneumologo

Dott. Enrico Ballor

Lascia un commento