Dott. Enrico Ballor – Pneumologo Torino
Sintomi e Diagnostica

Rinforzo del Disegno Bronchiale nella Radiografia del Torace: lo Pneumologo fa Chiarezza

  • Rinforzo del disegno bronchiale
  • Rinforzo della trama bronco-vasale
  • Accentuazione della trama vasculo-bronchiale e interstiziale

Sono alcune delle modalità con le quali spesso i radiologi descrivono taluni reperti bronchiali e polmonari che si presentano in alcune immagini radiografiche del torace che si discostano dalla normalità attesa, generando comprensibili timori nei pazienti che, non essendo in grado di comprendere il significato di dette descrizioni, condiscono con le loro ansie l’incapacità di comprendere il senso di affermazioni che riferiscono talora, con paura, a malattie senza speranza!

Rinforzo Disegno Bronchiale

Vediamo, allora, il significato che conviene dare a certi referti radiografici del torace, cercando di dare un senso alle alterazioni ivi descritte che consenta, a chi legge, di farsi un’idea realistica del problema.

La radiologia e le immagini generate

Premetto che la radiologia tutta non è altro se non un “gioco di ombre” e di “chiaro-scuri”, nel senso che le immagini che si generano su di una radiografia avente due dimensioni non corrispondono ad un oggetto reale, ma descrivono solamente una semplice ricostruzione piana di un oggetto reale avente struttura tridimensionale.

Ciò fa si che quanto rappresentato graficamente in questo modo, rischia di generare, per sovrapposizione di immagini “schiacciate” artificialmente su di un solo piano, quelle “false immagini” da sommazione di strutture prospettiche proprie di reperti radiografici che non descrivono ciò “che c’è”, ma solamente ciò “che sembra che ci sia”, creando dubbi interpretativi e ipotesi diagnostiche spesso lontane dalla realtà.

L’interpretazione personale del radiologo

Si aggiunga ancora che, finita la fase della “creazione” di oggetti immaginati, la fase successiva della “refertazione” dei reperti radiografici appartiene al mondo delle “interpretazioni” personali del radiologo refertante che, per quanto rispondenti a giudizi massimamente “oggettivizzati” da criteri interpretativi standard universalmente riconosciuti, sono e resteranno sempre qualcosa di inevitabilmente “soggettivo” nelle conclusioni.

Ma non basta!

Come nel cercare d’immaginare dall’ombra proiettata dal sole, se dietro l’angolo c’è un leone vero o una sagoma di legno avente il profilo dello stesso, così è in radiologia, nel senso che spesso capita di trovarsi di fronte ad immagini di oggetti diversi in grado di dar luogo a rappresentazioni radiografiche spesso simili, quando non uguali.

Le descrizioni del tipo “rinforzo di disegno” o “rinforzo – accentuazione della trama” sopra riportate, sono un’evenienza che ricorre molto spesso nei referti delle radiografie del torace, cosa questa che, non fosse altro per l’elevata quantità di radiografie in cui compare questo tipo di descrizione, in rapporto all’esiguo numero di casi in cui è poi possibile documentare realmente la presenza di una malattia bronco-polmonare seria, potrebbe essere un buon motivo per non agitarsi troppo, pur tuttavia evitando di commettere l’errore opposto di ignorare quanto segnalato.

Cosa sono la Trama e il Disegno?

Incominciamo subito a chiarire che ciò che viene indicato con i termini “trama“ o “disegno”, non si riferisce ad una ben individuata struttura anatomica bronchiale o polmonare, ma ad un insieme di strutture che fanno genericamente capo a ciò che potremmo definire l’”impalcatura” del polmone, comprendente:

  • bronchi
  • tessuto interstiziale
  • vasi sanguigni

che come nel caso di una spugna, corrisponde non ai “buchi” (“alveoli polmonari”), ma alla struttura di supporto della stessa, costituita dalle trabecole di tessuto che li delimitano e li circondano.

Come si vede, essendo così eterogenea la componente della “trama” in tal modo individuata e definita, assai diversa per significato ed importanza anche prognostica appare la patologia che la riguarda, andando da casi facilmente risolvibili ad altri che ben altro peso hanno in patologia umana.

Diverso è, infatti, un processo patologico evolutivo a carico dell’interstizio; altro è un sovraccarico di liquido all’interno di vasi sanguigni resi congesti e “gonfi” da uno scompenso di cuore che, qualche volta magari con poco sforzo e un po’ di diuretico assunto per bocca, può essere risolto.

Quali patologie possono interessare la trama?

Vediamo, allora, quali patologie possono interessare la “trama”, occupandoci dei problemi che più frequentemente si possono presentare a carico delle tre strutture che la compongono: vasi sanguigni, interstizio polmonare e bronchi.

  • Vasi sanguigni
    La componente vascolare polmonare, sia per quanto attiene al circolo capillare del polmone che per quanto si riferisce alle venule e alle arteriole in continuità con esso, possono spesso essere interessate da una maggiore replezione di sangue, cosa questa che può realizzarsi, ad esempio, nel caso di uno scompenso cardiaco del paziente per insufficienza cardiaca del ventricolo sinistro o in presenza di malattia valvolare (ad esempio da insufficienza mitralica) – (vedi “Edema polmonare acuto” e “Dispnea parossistica notturna”).
    L’aumentato afflusso al circolo capillare di sangue normalmente non presente in quella quantità, accentua le immagini della “trama” enfatizzando il disegno vascolare del polmone.
    Questa evenienza interessa per lo meno il 75% dei casi di “ rinforzo della trama” individuati nella radiografia del torace.
  • Interstizio polmonare
    E’ la parte che si può definire l’ “impalcatura” del polmone, all’interno del quale corre la rete capillare e linfatica polmonare.
    Esso normalmente non è apprezzabile nella radiografia standard del torace, ma tende invece a evidenziarsi solo quando, ispessito dalla presenza di liquido in esso disperso (edema interstiziale o congestione linfatica) o di tessuto solido cicatriziale patologico (fibrosi), diviene manifesto dichiarando la presenza di un’alterazione strutturale normalmente non presente nel soggetto sano (vedi “Fibrosi polmonare idiopatica e non”).
  • Bronchi
    L’infiammazione e l’ispessimento della parete dei bronchi appartenenti ai rami più periferici dell’albero bronchiale, specie dei bronchioli più fini compresi tra l’8a e la 14a suddivisione bronchiale che nel loro insieme definiscono le “piccole vie aeree”, può dar luogo, in taluni casi di patologia bronchiale specie se cronica (bronchite cronica e broncopneumopatia conica ostruttiva – BPCO), ad accentuazione delle immagini radiografiche (vedi “ La malattia delle piccole vie aeree: lo pneumologo e la prevenzione”).

La TAC del torace ad alta risoluzione (HRCT-Torace) praticata nelle sole condizioni standard (senza mezzo di contrasto) e le prove di funzionalità respiratoria complete, comprendenti non solamente la spirometria e l’ossimetria, ma altresì il test della diffusione del monossido di carbonio (DLCO) e l’emogasanalisi arteriosa (vedi “Esami per malattie respiratorie e tumori polmonari e pleurici ”), aiutano a dirimere i dubbi specie nei casi in cui sia interessato l’interstizio polmonare (interstiziopatie polmonari), consentendo allo pneumologo di meglio valutare il coinvolgimento patologico delle singole componenti anatomiche della “trama” che nella radiografia standard del torace non permettono, o permettono con maggiori difficoltà, conclusioni più precise.

Naturalmente la prescrizione degli esami sopra menzionati può solamente seguire un’approfondita valutazione del paziente e dei suoi sintomi da parte dello specialista pneumologo, sia da un punto di vista anamnestico, sia da un punto di vista clinico (visita del paziente) – (vedi “ La visita pneumologica presentata dallo pneumologo”), confermando ancora una volta, specie per i rischi che comporta, che di fronte ad ogni dubbio diagnostico ispirato da alterazioni radiologiche, è da rifiutare, al di la di un’iniziale comprensibile curiosità genericamente orientativa da parte del paziente, qualsiasi conclusione diagnostica che non sia frutto di una valutazione esperta del medico e dello specialista.

Medicina del Respiro: insieme per respirare meglio
Scopri Medicina del Respiro, il portale dedicato a chi vuole capire meglio il proprio modo di respirare

Vuoi saperne di più?

Faccio il possibile per scrivere i miei articoli informativi nel modo più chiaro, semplice e soprattutto esaustivo che si possa.

Consiglio sempre ai miei lettori di leggere innanzitutto i link di approfondimento che propongo su ciascun articolo, nonché di visitare il portale Medicina del Respiro.

Hai bisogno di un parere medico per il tuo caso?

Non ci sono problemi.

Se credi che il tuo problema abbia carattere di urgenza e debba ricevere una consulenza medica specialistica puoi prenotare da qui una visita privata presso il mio studio.

Hai apprezzato questo articolo?

Realizzare questo sito e i suoi contenuti ha richiesto anni di lavoro.

Non solo: creare continuamente articoli informativi richiede un sacco di tempo, come puoi immaginare.

Non c’è miglior grazie che io possa ricevere da te se non sapere che condividerai questo articolo su Facebook, Twitter o LinkedIn.

A presto!

Firma del Dott. Enrico Ballor - Pneumologo a Torino (50px)

Articoli correlati

Ipertrasparenza Enfisematosa, Aumentata Diafania Parenchimale: lo Pneumologo Spiega il Significato

Dott. Enrico Ballor

Ossido Nitrico Esalato (FeNO), Asma Allergico e Infiammazione dei Bronchi

Dott. Enrico Ballor

Le Immagini a “Vetro Smerigliato” e il “Polmone ad Alveare” nella TAC, Spiegati dallo Pneumologo

Dott. Enrico Ballor
CHE COS'E' E COME VIENE FATTA

Visita Pneumologica

Scopri - in maniera semplice - tutte le fasi della visita specialistica e come il Dott. Enrico Ballor valuta il paziente per il disturbo che presenta.
GUARDA IL VIDEO
Pneumologo Torino Dott Ballor favicon - 512px
close-link
Pneumologo Torino Dott Ballor favicon - 512px
Che cos'è (e come viene fatta) una Visita Pneumologica?
Guarda il Video
close-image