Dott. Enrico Ballor – Pneumologo Torino
Asma Lo Pneumologo Risponde

Clima Migliore per l’Asma?

Lo Pneumologo Risponde” è la nuova rubrica di questo sito dedicata alle curiosità dei lettori.

La domanda di questa uscita è:

Qual è il clima migliore per chi ha l’asma?

Per dare una risposta sensata a questa domanda bisognerebbe sapere con maggior precisione di quale tipo di asma stiamo parlando.

Mi limiterò, quindi, a riportare i punti salienti di quanto ho già scritto in alcuni miei articoli pubblicati in passato, che invito a leggere e dei quali indico, più avanti, i titoli.

I soggetti asmatici presentano frequentemente una condizione di particolare ipersensibilità dei bronchi, conosciuta come ipersensibilità bronchiale aspecifica, che comporta, rispetto ai soggetti non asmatici, una più spiccata tendenza dei bronchi a chiudersi, generando in tal modo delle crisi asmatiche caratterizzate da sibilo espiratorio, tosse e difficoltà a respirare (dispnea).

Ogni situazione climatica che esponga ad aria troppo calda, troppo fredda, troppo secca o troppo umida, rischia di precipitare, nei soggetti asmatici iper-reattivi, una crisi respiratoria.

Invito a leggere nell’articolo “Asma e clima: il parere dello pneumologo“, quali sono le diverse situazioni geografiche nelle quali è più facile imbattersi nelle condizioni termiche e di umidità più estreme alle quali mi riferivo prima.

Attenzione anche all’uso eccessivo dell’aria condizionata (climatizzazione) in quanto, mentre se ben usata può rappresentare un vantaggio anche per i soggetti asmatici, se usata male rischia di trasformarsi in un fattore di scompenso della malattia asmatica.

In articoli dedicati (vedi sotto) ho già parlato dei vari svantaggi e vantaggi del clima marino e del clima montano, affrontando a parte gli svantaggi, per gli asmatici, di un’eccessiva permanenza nel clima inquinato delle città.

Molte delle situazioni climatiche affrontate in questi articoli chiariscono bene, ad esempio, quanto sia negativo, per i soggetti che soffrano di asma allergico, il contatto con i diversi allergeni ambientali, primi fra tutti i pollini delle piante ai quali il paziente asmatico risulti sensibilizzato da un punto di vista allergologico.

Per i soggetti allergici agli acari della polvere, ad esempio, esistono altre considerazioni, estrapolabili dagli stessi articoli, a proposito dei diversi climi nei quali è meno facile entrare in contatto con questi allergeni.

Approfondimenti

Scopri di più su questo argomento leggendo anche:

Visita Pneumologica

Che cos’è (e come viene fatta)?

Scopri tutte le fasi della visita specialistica e come il Dott. Enrico Ballor valuta il paziente per il disturbo che presenta.

Guarda il Video
Pneumologo Torino Dott Ballor favicon - 512px

 

Chiedi allo Pneumologo

Se hai una domanda da porre al Dott. Ballor, compila ora il modulo qui sotto.

Le migliori domande che verranno giudicate più di interesse generale, troveranno risposta su questo sito nelle prossime settimane.

    Altri Articoli Interessanti

    Asma da Sforzo o Asma da Esercizio Fisico (E.I.A.): il Parere dello Pneumologo

    Dott. Enrico Ballor

    Asma e Clima: il Parere dello Pneumologo

    Dott. Enrico Ballor

    I “Fenotipi dell’Asma”: i Diversi Modi di Presentarsi dell’Asma Bronchiale

    Dott. Enrico Ballor
    CHE COS'E' E COME VIENE FATTA

    Visita Pneumologica

    Scopri - in maniera semplice - tutte le fasi della visita specialistica e come il Dott. Enrico Ballor valuta il paziente per il disturbo che presenta.
    GUARDA IL VIDEO
    Pneumologo
    close-link
    Pneumologo
    Che cos'è (e come viene fatta) una Visita Pneumologica?
    Guarda il Video
    close-image